[11/09] 09:28 Borsa: Europa positiva aspettando la Bce, a Piazza Affari bene le banche

Mediaset volatile dopo indiscrezioni su offerta Vivendi (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 11 set - Borse europee positive alla vigilia del consiglio direttivo della Bce, che potrebbe varare una serie di misure a favore dell'economia e a sostegno dell'inflazione. Gli analisti ritengono che l'istituto di Francoforte annuncera' un taglio dei tassi su depositi, gia' negativi e pari al -0,4%. Secondo alcuni economisti l'Eurotower potrebbe annunciare anche una manovra di Qe, ma su questo non c'e' unanimita'. Il presidente Mario Draghi, nella sua penultima riunione, potrebbe soprassedere e lasciare la cartuccia in canna per Christine Lagarde che prendera' la guida dell'istituto centrale il prossimo novembre. A riprova negli ultimi giorni sono in rialzo anche i rendimenti dei principali titoli di stato europei, con il tasso del Bund a dieci anni che si e' allontanato dal minimo del -0,74% toccato la scorsa settimana. Lo spread, comunque, e' abbastanza stabile in area 156,9 punti (+1,5 punti). Sulle prime battute Milano sale dello 0,34%, Parigi dello 0,17% e Francoforte dello 0,42%. Anche Londra sale di mezzo punto percentuale, nonostante l'incognita sulla Brexit. E' un passo indietro Madrid che oscilla sulla parita'. A Piazza Affari vanno bene le azioni delle banche sull'ipotesi che domani la Bce vari manovre a sostegno dell'economia e nonostante invece l'istituto centrale possa abbassare i tassi sui depositi rispetto all'attuale livello negativo dello 0,4%. Ubi e Unicredit guadagnano circa un punto percentuale. Ferrari recupera lo 0,4% all'indomani del forte ribasso. Della galassia Agnelli, sono deboli le Fca (-0,3%). St guadagna lo 0,96% dopo che Apple ha svelato i nuovi melatelefonini. Corrono le azioni di Telecom (+1,8%). Fuori dal paniere principale, Mediaset dopo un avvio in progresso di circa mezzo punto percentuale, ha virato al ribasso segnando un calo dello 0,7%. Ieri Lettera43 ha scritto di una possibile offerta da parte di Vivendi per l'azienda, ma Fininvest ha ribadito che la vendita della sua quota 'non e' mai stata presa in considerazione' e i francesi hanno bollato l'operazione come un 'non sense'. Le azioni intanto sono tornate ai livelli del recesso a 2,77 euro fissato per l'operazione di fusione con al controllata spagnola per creare un gruppo paneuropeo con sede in Olanda. Sul fronte dei cambi, la moneta unica e' stabile a 1,1043 dollari (ieri a 1,1047 dollari). Vale inoltre 119,05 yen (118,496), mentre il biglietto verde si attesta a 107,80 (107,268 yen). Il petrolio e' in rialzo: il wti, contratto con consegna a ottobre, guadagna lo 0,63% portandosi a 57,77 dollari al barile.