[12/09] 09:13 Borsa: Europa pesante in apertura in scia a Ws e Tokyo, Milano cede 1,6% (RCOP)

St e Tenaris le peggiori, vendite anche su banche (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 12 set - Borse europee pesanti in apertura di settimana sulla scia delle performance messe a segno da Wall Street (-2,1% il Dow Jones venerdi') e da Tokyo (-1,7%) disorientate dalla possibilita' che la stretta monetaria Usa si verifichi gia' a settembre. Tutti i principali indici azionari mostrano una flessione di almeno un punto percentuale: -1,5% Parigi, -1,2% Londra, -1% Francoforte. Piazza Affari arretra dell'1,54% nel Ftse Mib tornando sotto quota 17mila punti. Le vendite sono distribuite tra i vari settori ma sono St (-2,5%) e Tenaris (-2,5%) ad accusare le perdite piu' significative. Tra i bancari giu' Ubi (-2,2%) ma anche Banco Popolare (-2%) e Bpm (-1,6%): nel week end e' arrivato il via libera della Bce alla fusione. Mps scivola dell'1,5% nella settimana decisiva per il cambio della guardia alla guida dell'istituto per il quale e' dato ormai per scontato che la carica di a.d. sara' affidata a Marco Morelli. Mercato valutario con poche variazioni di rilievo rispetto alle posizioni raggiunte venerdi' sera dopo che il numero uno della Federal Reserve di Boston, Eric Rosengren, aveva evidenziato l'esistenza delle condizioni economiche per un rialzo dei tassi Usa alzando le scommesse su una stretta gia' a settembre. Il biglietto verde americano comunque corregge leggermente: l'euro/dollaro si attesta a 1,1252 da 1,1232, il dollaro/yen a 102,49 da 102,69. Il rapporto euro/yen e' stabile a 115,41 da 115,35. Senza scosse anche gli scambi sulla sterlina nella settimana che portera' al meeting della Bank of England: necessari 0,8475sterline per un euro (da 0,8466) e 1,3276 dollari per una sterlina (da 1,3268). Il petrolio prosegue la flessione iniziata venerdi': il Wti ottobre cede il 2% a 44,96 dollari al barile, il Brent ottobre dell'1,8% a 47,15 dollari.