[Fri Feb 17 13:33:00 CET 2017] Fri Feb 17 13:33:00 CET 2017 Borsa: -1% Milano sui minimi a meta' seduta con le banche, giu' Bper

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 17 feb - Dopo l'indecisione iniziale, hanno preso la via del ribasso le Borse europee, ripiegando dai recenti massimi in una giornata di prese di beneficio, priva di eventi catalizzatori e in vista del lungo week end di Wall Street, che sara' chiusa lunedi' per il Presidents' Day. In calo anche i future sugli indici americani. Sull'azionario europeo arriva qualche spunto dalle trimestrali e, a Piazza Affari dalle indiscrezioni sulla stretta finale nelle trattative tra Mediaset e Sky per la vendita di Premium. Risale lo spread BTp/Bund in area 185 punti base. In calo dello 0,87% Parigi e dello 0,38% Francoforte mentre Londra risale a +0,18%. A Francoforte balza Allianz (+2,4%) che ha chiuso un 2016 con utili in forte crescita e superiori alle attese e ha annunciato un buy back da 3 miliardi. Ben intonati gli assicurativi in tutto il Vecchio Continente, mentre segnano il passo i titoli dell'energia, della materie prime, delle auto (appesantiti dai dati deludenti delle vendite di Volkswagen, -2,5%) e delle banche. A Piazza Affari sono ancora le banche a dare la direzione: dopo un'apertura mista i titoli del credito sono stati colpiti dalle vendite e condizionano il Ftse Mib che cede l'1%. Ma gli occhi sono puntati tutti su Mediaset (+1,35%) che dopo aver aperto in rialzo del 2,9% ha limato i guadagni insieme al listino: Il Sole 24 Ore scrive che le trattative con Sky per la cessione di Premium sono alla stretta finale. Colpiti dalle vendite Bper (in asta di volatilita' a -4,5%) mentre slitta a marzo l'acquisizione di Carife, Ubi Banca (-2,9%), Banco Bpm (-2,7%)e Unicredit (-1,3%) nell'ultimo giorno di negoziazione dei diritti (-2,11%) dell'aumento di capitale da 13 mld che si chiudera' il 10 marzo. Tengono Unipolsai e Unipol (-0,2% per entrambi) mentre Generali (-0,5%) resta in attesa di novita' da Intesa Sanpaolo (-2,55%). Il presidente del Leone di Trieste Gabriele Galateri di Genola ha detto che Generali non ha 'preclusioni' a esaminare una eventuale offerta anche da parte di Intesa Sanpaolo. Prese di beneficio su Saipem (-2,7%) che continua ad essere molto volatile. Male Fca (-1,95%). Fuori dal listino principale, Stefanel sale del 4% sulle indiscrezioni di un accordo raggiunto tra le banche per il salvataggio del gruppo. Sul fronte dei cambi, il dollaro resta sotto pressione contro le principali divise, vicino a importanti livelli di supporto. L'euro/dollaro e' scambiato a 1,0653 (da 1,0699 di ieri sera) mentre il dollaro/yen passa di mano a 113,8 (da 113,28). Euro/yen poco mosso a 120,17 (da 120,8). Prezzo del petrolio in calo con gli stock di greggio e di benzine negli Usa entrambi saliti ai massimi storici: il Brent e' scambiato a 55,35 dollari al barile (-0,54%) mentre il Wti e' a 53,47 dollari al barile (-0,52%).