[22/06] 17:54 Inail: Cisl, su infortuni mortali numeri restano gravi -2-

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 22 giu - 'L'aumento importante poi delle denuncie di malattie professionali e in particolare di quelle del sistema osteomuscolari - osserva Farina - rende chiaro come occorra fare ancora molto sul piano della sicurezza, ma non meno della salute, intervenendo sulle procedure di lavoro, l'organizzazione, l'ergonomia delle postazioni di lavoro e i dispositivi di protezione o di vigilanza. Rimane infine alto e costante il numero delle vittime dell'amianto che rappresentano circa il 33% vale a dire un terzo dei deceduti per malattie professionali nel 2015. Il complessivo numero dei deceduti per lavoro, quindi, per l'anno 2015 per difetto e' di 2.708 casi, considerati i 1.246 incidenti mortali dichiarati e i 1.462 casi per accertate malattie professionali. Inoltre e' assente nell' analisi dell' Inail un riferimento alle strategie per la promozione della partecipazione dei lavoratori e la crescita delle relazioni industriali sui temi della salute e sicurezza sui posti di lavoro nonostante sia questo uno dei cardini della legislazione nazionale ed europea'. Com-fil