<p>L'Ania rappresenta le imprese di assicurazione che operano in Italia</p>

L'Ania rappresenta le imprese di assicurazione che operano in Italia

È un’associazione volontaria senza fini di lucro: il suo scopo principale - riconosciuto dallo Statuto - è sviluppare e diffondere nel nostro Paese la cultura della sicurezza e della prevenzione, perché sia le persone sia le aziende sia la società nel suo complesso possano essere protette di più e meglio.

Fondata nel 1944 come Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici, l’ANIA raggruppa chi da sempre gestisce e copre i rischi più diversi. Rappresenta i soci ed il mercato assicurativo italiano nei confronti delle principali istituzioni politiche ed amministrative, inclusi il Governo ed il Parlamento, le organizzazioni sindacali e le altre forze sociali.

ANIA studia e collabora alla risoluzione di problemi di ordine tecnico, economico, finanziario, amministrativo, fiscale, sociale, giuridico e legislativo, riguardanti l’industria assicurativa.

Fornisce assistenza tecnica ai soci e promuove la formazione e l’istruzione professionale degli addetti. Per molte delle sue attività l’ANIA si avvale delle sue articolazioni operative: la Fondazione ANIA, il Forum ANIA-Consumatori, ANIA Servizi e Formazione (SAFE).

La Nostra storia

Il 31 agosto 1944 fu fondata a Roma l’Associazione Nazionale fra le imprese assicuratrici, l’ANIA.

La guerra, infatti, aveva profondamente cambiato il Paese: interrotto i rapporti economici e reso complicate anche le attività assicurative. Per questo, i principali esponenti del settore decisero di dare vita ad un’associazione che potesse supportare la ripresa e accompagnare il nuovo corso storico. Nell’atto costitutivo e nello Statuto venne dichiarato, innanzitutto, l’interesse di tutelare la categoria e di provvedere al regolamento di tutti “i rapporti di lavoro nei confronti delle Associazioni di prestatori d’opera”, nonché di collaborare alla risoluzione di “problemi di ordine tecnico, economico, finanziario, amministrativo, legale e sociale riguardanti l’industria assicurativa”.

Nel 1953, l’ANIA fu tra i fondatori del CEA, il Comitato europeo delle Assicurazioni, un organismo istituito per studiare, fin dall’inizio del processo di unificazione europea, i problemi comuni del settore in una prospettiva di integrazione dei mercati.

Nel 1959 venne emanato il Testo Unico sull’esercizio delle assicurazioni private (D.P.R.449/1959), che riunì in un corpus organico tutta la normativa del comparto, mentre nel 1969 venne varata la legge sulle assicurazioni obbligatorie delle autovetture (L.990/1969).

Gli anni 70 e 80 si contraddistinsero per l’intensa attività dell’ANIA nel favorire l’adeguamento della regolamentazione del settore alla legislazione europea. Il sempre maggiore rilievo economico delle assicurazioni, peraltro, evidenziò la necessità dare vita all’Isvap, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private (L.576 del 1982).

In quegli anni si diffuse l’informatizzazione del lavoro: le imprese investirono nei date center e i pc entrarono nelle agenzie. La formazione assunse un ruolo cruciale e l’ANIA fondò l’IFA, istituto di formazione assicurativa per diffondere le conoscenze tecniche tra gli addetti delle imprese e gli intermediari.

Dagli anni Novanta l’Associazione intensificò la sua attività per favorire le risposte ai nuovi bisogni nell’ambito del welfare, parallelamente alla definizione normativa della previdenza complementare. Da quel momento si confronterà anche con le grandi tematiche legate alla privacy, all’ambiente, alla salute, alle discipline degli appalti e sarà il ponte tra le istituzioni, le imprese e la cittadinanza.

Negli ultimi anni, l’ANIA si è distinta per un’intensa attività di sensibilizzazione a favore dell’innovazione, per l’interesse al ruolo sociale ed economico del settore e alla sua funzione di investitore istituzionale.

L’industria assicurativa ha contributo allo sviluppo del Paese agendo su tre principali leve: la messa in sicurezza, la tutela del risparmio delle famiglie e il finanziamento di medio e lungo termine dell’economia reale.

Oggi l’ANIA associa 131 Compagnie, che rappresentano quasi il 90% del mercato assicurativo in termini di premi, ed ha un Forum permanente con i Consumatori ed una Fondazione. Quest’ultima ha l’obiettivo di favorire l’informazione sulla prevenzione dai rischi, di promuovere la sicurezza e la protezione dei cittadini e delle imprese.

Contatti

Sede Generale

Via di San Nicola da Tolentino, 72
00187 Roma

Tel. 06 326881
Fax 06 3227135

Sede Milano

Via Aldo Rossi, 4
20149 Milano

Tel. 02 77641
Fax 02 780870

Qualche numero...

Nel nostro Paese operano 214 imprese di assicurazione (dato 2019), impegnate ogni giorno a dare risposte competenti alla domanda di sicurezza e protezione di imprese e persone.

I dipendenti del settore assicurativo sono quasi 50.000; complessivamente, il settore assicurativo dà impiego a circa 300 mila persone (dati 2019).

Nel 2019 il volume dei premi raccolti ha superato i 140 miliardi di euro: 106 miliardi nel settore Vita e 34 miliardi nel Danni.

Il volume premi del settore assicurativo rappresenta il 7,8% PIL italiano; un mercato che è all’ottavo posto nel mondo e al quarto in Europa.

Gli investimenti degli assicuratori del nostro Paese, nel 2019, ammontano a oltre 950 miliardi di euro (oltre il 53% del Pil) e contribuiscono in maniera sostanziale alla stabilità dei mercati finanziari e immobiliari.

Ogni anno le compagnie pagano circa 150 miliardi di euro per prestazioni a favore degli assicurati.